Sgravi Fiscali

la Legge di Stabilità 2015 agevola gli investimenti per Ricerca e Sviluppo.

La legge di Stabilità 2015 cambia il credito d’imposta per le imprese che investono in Ricerca e Sviluppo estendendo il beneficio a tutte le aziende, con tetto massimo più alto, spesa minima per investimenti più bassa, allungamento fino al 2019 del periodo di agevolazione, rimodulazione dell’importo erogato e soppressione delle agevolazioni per assunzioni altamente qualificate del Dl Sviluppo 2012 e quelle nella Finanziaria 2013.
Questo è quanto prevede l’articolo 7 della Legge di Stabilità 2015, che va a modificare il Bonus Ricerca del decreto Destinazione Italia (articolo 3, dl 145/2013).

L’incentivo in forma di credito d’imposta si applica per le attività e investimenti di tutte le imprese nell’ambito di ricerca e sviluppo. In sintesi, ecco le caratteristiche:

Sono ammissibili al credito d’imposta le seguenti attività di ricerca e sviluppo:

Ai fini della determinazione del credito d’imposta sono ammissibili le spese relative a:

Non si considerano attività di ricerca e sviluppo le modifiche ordinarie o periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti e altre operazioni in corso, anche quando tali modifiche rappresentino miglioramenti.

Fonte: Legge di Stabilità 2015

 

 

 

SEI INTERESSATO A QUESTO INCENTIVO PER LA TUA AZIENDA?

Chiedici una consulenza su come poter fare per ottenere questa agevolazione per la tua azienda.

 

 

Acconsento
Nego il consenso
E' necessario il consenso ai dati della privacy

 
 

 
membro di
partner AIPIA, Active & Intelligent Packaging Industry Association
 

Chiedi la demo ADESSO